Facebook

Festival 2014

in Festival del Documentario D'Abruzzo | 0 comments

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

Pescara, proiezioni nel periodo compreso tra 8 marzo e 15 giugno 2014
serate conclusive presso l’Aurum di Pescara
nei giorni di venerdì 13 sabato 14 e domenica 15 giugno 2014

 

Il Festival è ideato e organizzato da A. C. M. A. – Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese Via Firenze 99 – 65122 Pescara – +39 085 421 00 31

www.webacma.it

L’8 marzo 2014 ha preso il via la 6a edizione del Festival del documentario e del cinema digitale d’Abruzzo – Premio Internazionale Emilio Lopez organizzato dall’A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese).

Si è iniziato con i lavori selezionati per PANORAMA ITALIANO, sezione dedicata alle opere italiane più interessanti della stagione prodotte dopo il 1° gennaio 2013..
Queste le opere selezionate ed il calendario delle proiezioni che si terranno presso la libreria Feltrinelli a Pescara in via Milano alle ore 18.00


Sabato 8 marzo

Apolitics Now! di Giuseppe Schillaci, 55’

A Palermo, nel maggio 2012, si confrontano ben 12 candidati per l’elezione a sindaco in una situazione di disastro finanziario e caos politico. A livello nazionale, la situazione è uguale e i risultati del voto parlano chiaro: i partiti della cosiddetta Seconda Repubblica crollano; il movimento 5 stelle diventa il secondo partito italiano e si parla già di Terza Repubblica.

 

Venerdì 28 marzo
Centoquaranta – La strage dimenticata di Manfredi Lucibello, 74’

10 aprile 1991. A poche miglia dal porto il traghetto Moby Prince  si scontra con la petroliera la petroliera Agip Abruzzo.  La prima tesi, che rimarrà nella memoria collettiva,  è quella dell’errore umano … incontro con l’autore

 

Venerdì 4 aprile
Segna con me di Chiara Tarfano e Silvia Bencivelli, 51’
 C’è una lingua che si parla con le mani e si ascolta con gli occhi. La LIS, la  lingua dei segni italiana,  che  oggi è usata da decine di migliaia di persone nel nostro paese, sorde e udenti. In questo documentario  si  raccontano le storie di un gruppo di loro … incontro con le autrici

 

Venerdì 18 aprile
Chi vuoi che sia di Davide Vigore e Ricardo Cannella, 30’
E’ un documentario girato a Palermo nello specifico in uno dei quartieri che caratterizzano la cultura e l’antropologia di questa città, Ballarò.

La storia che racconta è quella di un essere umano che non si definisce, che non sa chi è, si definisce un essere astratto, questo crea nella realtà in cui vive un singolare cortocircuito.

 

Venerdì 2 maggio
In cerca di un amico di Karma Gava e Alvise Morato, 19

Nella città di Tokyo esistono numerose agenzie dove i dipendenti, dietro debito pagamento, si offrono per svolgere il ruolo richiesto a seconda delle circostanze: amico per andare al cinema, cugino per movimentare un compleanno, coniuge fittizio per affrontare meglio il ricevimento con i professori…
incontro con l’autore K.Gava
 
Destination de dieu di Andrea Gadaleta Caldarola, 21

La maggior parte del pomodoro italiano proviene  dalla  Capitanata, al nord della Puglia, dove vengono impiegati per la raccolta ogni anno più di 20 mila lavoratori.
Vicino Rignano Garganico, circondato dai campi, sorge il Gran Ghetto, uno dei più grandi slum italiani, una baraccopoli abitata esclusivamente da africani.… incontro con l’autore
 

Venerdì 16 maggio
Ultima chiamata / Last Call di Enrico Cerasuolo, 90’

 

40 anni fa, la pubblicazione di The Limits to Growth sconvolse il mondo. Il libro, basato sul report di un team di scienziati del MIT, era portatore di un messaggio che oggi è più attuale che mai: il pianeta Terra è un sistema finito e la crescita economica a pieno ritmo porterà la nostra società e l’ambiente sull’orlo del collasso.


ABRUZZODOC

Queste le opere selezionate ed il calendario delle proiezioni che si terranno presso la libreria la Feltrinelli in via Milano dalle ore 17.00:
domenica 8 giugno dalle ore 17.00

La vera storia dell’uomo Plasmon
di Simone Del Grosso, 45’
Il documentario narra la parabola “straordinaria” di Fioravante Palestini, il mitico testimonial dei primi spot della nota marca di biscotti…

Vito – Storia di un ipovedente
di Pietro Albino Di Pasquale, 10’
Come cambia il mondo se lo guardiamo con altri occhi.
Vito attende l’esito di un esame importante. Entro poche ore saprà se suo figlio soffre della sua stessa malattia: la retinite pigmentosa. Il film è il tentativo di vedere attraverso questa malattia. “Per me la soggettiva ha un valore diverso rispetto agli altri, ho una visione monoculare dalla nascita: non vedo il mondo come le persone “normali”.  Credo che questa sia stata la motivazione che mi ha spinto ad assumere il punto di vista di un ipovedente, a fare un film interamente in soggettiva”. incontro con l’autore

Elegia per la vita di Germano Scurti, 54’
Un documentario d’esordio che racconta la storia di un uomo, Peppino D’Emilio, che nel corso degli anni Settanta voleva trasformare  la città di Pescara attraverso l’arte ed ha per questo fondato uno spazio culturale dal nome “Convergenze”… incontro con l’autore   lunedi’ 9 giugo dalle ore 17.00

Guardane una e guardale tutte. Ovvero, dalla transumanza alla globalizzazione di Raffaella Rose, 18,37’

I racconti di alcuni degli ultimi pastori dei versanti sud-ovest del Monte Magnola, Monte Velino, Montagne della Duchessa, al confine tra Lazio ed Abruzzo, consentono di cogliere una realtà lontana dagli stereotipi a cui solitamente è associato il mondo pastorale…
incontro con l’autrice

Terradentro di Antonio Prata, 30’

La ricerca di un luogo in cui mettere radici: l’Abruzzo, terra d’origine, sconvolto da un violento terremoto, che ha cancellato i ricordi e sradicato un’identità che ora si rivela illusoria; oppure la Svizzera, stravolta da una distruzione – ricostruzione programmata -, che cancella…

Calle Cortes di Antonella Deplano e Stefano Ricci, 30′

Il documentario  ha come soggetto artisti e associazioni di riciclaggio creativo a Bilbao. Un viaggio attraverso la comprensione di un mondo sostenibile tutto da scoprire. Porci come scopo una crescita sociale e individuale in grado di offrire nuovi punti di vista e nuove possibili soluzioni.
incontro con gli autori

VISTI DA VICINO
Queste le opere selezionate ed il calendario delle proiezioni che si terranno presso l’Aurum, sala Tosti venerdi’ 13, sabato 14 e domenica 15 giugno 2014.

SARAJEVOLUTION di Rocco Riccio, 89’

Un racconto inedito di personaggi e luoghi della città di Sarajevo che vivono ogni giorno “le fatiche delle pianure”, la vita dopo una guerra senza fine, vent’anni dopo l’evento bellico che per la prima volta nella storia entrò nelle case di tutto il mondo grazie alla rivoluzione tecnologica. Un viaggio nelle viscere di un popolo, attraverso splendide storie di sopravvivenza, distruzione e ricostruzione.

LIBRI E NUVOLE di Pier Paolo Giarolo, 85’
In uno sperduto villaggio delle Ande Peruviane una ragazzina sta aspettando da giorni l’arrivo dei nuovi libri che una bibliotecaria trasporta a piedi, sulle proprie spalle. Le Biblioteche Rurali del Perù sono formate da poche decine di libri che una volta letti vengono scambiati fra le comunità. Messaggio e messaggero viaggiano insieme, in un paesaggio primordiale a pochi passi dalle nuvole; i libri camminano come camminano le persone. “Leggere la terra, camminarla e conoscerla è il miglior modo per amarla e rispettarla”.

FARID di Pino Esposito, 87′

Un film su Zurigo raccontato dal punto di vista di coloro che vivono ai margini della società: i sans papiers, i richiedenti asilo respinti, i vagabondi, le prostitute straniere, i clandestineiin cerca di una casa. Protagonista del film è il palestinese Dhamra Farid, un richiedente asilo respinto e la sua deportazione imminente in Israele. Farid tiene un diario, annotando appunti sui sogni infranti di migranti che vivono più o meno illegalmente a Zurigo – e in isolamento. Farid scrive e scrive, come testimonianza della propria deportazione.

 

CHAJA E MIMI di Eric Esser, 10’35”
Chaja Florentin e Mimi Frons sono grandi amiche da 83 anni. Nate e cresciute a Berlino, nel 1934 con l’avvento del nazismo, sono costrette a lasciare il Paese con le rispettive famiglie e fuggire in Palestina. In un bar tedesco di Tel Aviv, dove si incontrano ogni giorno, raccontano del loro rapporto ambivalente con Berlino. Un film sull’amicizia, sulle proprie origini e sull’identità.

ADELANTE di Noam A. Osband 50′ 

I nuovi arrivati messicani stanno rivitalizzando  la morente chiesa irlandese-cattolico in Norristown, PA.  Ora, il suono delle risate dei bambini spinge a tornare in chiesa, mariachi  e zampognari si uniscono pel celebrare gli  eventi della comunità.

Il documentario, Incentrato su un sacerdote americano, padre Murphy, e una giovane coppia messicana, ci fa capire come questo cambiamento ha portato nuove sfide ed energie in questa antica parrocchia che si trova fuori Philadelphia.

LA MAQUINA DE LOS RUSOS di Octavio Guerra, 9′

Dove sono i ricordi? E’ possibile conservarli intatti? Ottavio ritorna a casa dopo molto tempo con la sua nuova vedeocamera; la sua idea è filmare immagini lo riportino all’infanzia. Ripetutamente fallisce nella sua ricerca. Ma alla fine riesce a scoprire  i ricordi di suo padre, proiettando i suoi vecchi film in super-8.

THE FADING VALLEY di Irit Gal, 54′

Nella fertile valle del Giordano c’è un gruppo di contadini palestinesi che vivono nascosti. I loro pascoli sono stati dichiarati zona militare, i loro pozzi  sono state chiusi e l’acqua è stata deviata verso i residenti ebrei della valle. Senza acqua non c’è vita e  l’agricoltura sta scomparendo. Alcuni hanno rinunciato e si sono  trasferiti in città. Altri sono stati costretti a lavorare negli insediamenti stessi che hanno preso possesso delle loro terre. Questo film testimonia la vita di questi agricoltori i cui diritti sono stati spazzati via e che sono diventati residenti illegali nella propria terra. I residenti stanno silenziosamente scomparendo dalla splendida valle che è la più bassa del mondo.
La Giuria della sesta edizione del Festival del documentario d’Abruzzo, che giudicherà i corti e documentari nelle due sezioni in concorso Visti da vicino e Opera digitale, è composta da: Roland Sejko, Silvia Luzi, Stefano Saverioni, Andrea Sangiovanni e Giovanna Di Lello. leggi
OPERA DIGITALE
Queste le opere selezionate, le proiezioni si terranno presso l’Aurum, sala Tosti venerdi’ 13, sabato 14 e domenica 15 giugno 2014

MI OJO DERECHO di JOSECHO DE LINARES, Spagna


LA MIRADA PERDIDA di DAMIÁN DIONISIO, Argentina


FULGENZIO di ALDO IULIANO, Italia

 

VISTI DA VICINO   /   OPERA DIGITALE
Calendario delle proiezioni che si terranno presso l’Aurum di Pescara sala Tosti

Venerdi’ 13 giugno dalle ore 17.30
17.30 SARAJEVOLUTION di Rocco Riccio 89’ Italia

 

Sabato 14 giugno dalle ore 17.30

17.30 CHAJA E MIMI di Eric Esser 10’35′ Germania

17.50 FARID di Pino Esposito 87′ Svizzera

21.00 LA MIRADA PERDIDA di Damian Dionisio 11′ Argentina

21.20 THE FADING VALLEY di Irit Gal 54′ Israele

 

Domenica 15 giugno dalle ore 17.30

17.30 LIBRI E NUVOLE di Pier Paolo Giarolo 85′ Francia/Italia

19.00 FULGENZIO di Aldo Iuliano 13’45” Italia

21.00 Cerimonia di premiazione

Assegnati i premi della sesta edizione del Festival del documentario e del cinema digitale d’Abruzzo – Premio Internazionale Emilio Lopez organizzato dall’A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese)
Miglior documentario “VISTI DA VICINO” LIBRI E NUVOLE di Pier Paolo GIAROLO
“Per la capacità di esplorare una realtà isolata e remota raccontando il cammino di persone di antiche radici e libri senza tempo, un cammino che diventa vaggio per l’affermazione della propria identità”

 

Miglior corto della sezione “OPERA DIGITALE” MI OJO DERECHO di Josecho De Linares
“Per il tocco delicato e silenzioso dello sguardo” – “For the delicate and silent touch of its insight”

 

Miglior documentario “ABRUZZODOC” ELEGIA PER LA VITA di Germano Scurti

“Attraverso l’elegia di una persona di notevole spessore che è riuscita ad  esprimere le sue intuizioni innovative emerge, oltre il racconto ricco di suggestioni e ricostruito con attento e meticoloso lavoro di ricerca, un’immagine della  Pescara di ieri e una riflessione sulla Pescara di oggi”.

 

Miglior documentario “PANORAMA ITALIANO” SEGNA CON ME di Chiara Tarfano

“Per aver saputo raccontare in modo attento, sensibile ed efficace storie di vita quotidiana in cui l’affermazione della propria personalità permette di superare le difficoltà sociali”.

 

L’Associazione A.C.M.A., organizzatrice del Festival, ha deciso di assegnare una MENZIONE SPECIALE al documentario CALLE CORTES di Antonella Deplano e Stefano Ricci della sezione  ABRUZZODOC

“Per essere riusciti ad analizzare la problematica del moderno consumismo in modo critico attraverso una visione originale e sensibile con immagini, suoni  e colori  di grande suggestione”.

 

VI EDIZIONE

Dal 2007 l’A.C.M.A ha intrapreso il progetto del Festival per offrire al pubblico la possibilità di accostarsi alle tante forme di osservazione e di indagine della realtà nelle quali si articola il linguaggio cinematografico, nonché per creare spazi di espressione per quegli autori e quei registi che con intelligenza e coraggio si cimentano nella narrazione e nell’analisi della realtà contemporanea.
Senza le vetrine dei festival i documentari e i film di finzione più propensi alla riflessione e al ragionamento, le esperienze estetiche più di frontiera e meno legate all’industria, non avrebbero modo di resistere all’opprimente inaridimento dell’offerta culturale.

Offerta culturale che non può più soddisfare le esigenze di un pubblico in realtà più attento e più preparato aperto alla singolarità del cinema documentario come alla sperimentazione, alla ricerca, all’inventiva del digitale.

 

Il cinema digitale,  il cinema che per necessità impiega poco budget e molto cervello,è in grado di registrare con la precisione di un sismografo i movimenti e i mutamenti di una società e della sua mentalità, affermandosi come la forma di espressione cinematografica più vivace ed eterogenea. Questo è vero innanzi tutto per il cinema documentario, cui il nostro festival si è esclusivamente dedicato fino ad ora. Ma è vero anche per il cinema digitale non documentario, il cinema che riflette sulla realtà ricreandola e non riprendendola.

 

E’ per questo che in questa sesta edizione al documentario  abbiamo deciso di affiancare anche una sezione speciale dedicata al cinema digitale indipendente riservata a  medio e lungometraggi  di finzione con spiccata forza di analisi.

 

Il Festival si svolgerà a Pescara ma sono previste proiezioni anche in altre città abruzzesi

 

Queste tutte le sezioni competitive della sesta edizione:

 

A – Concorso ABRUZZODOC

Sezione dedicata ai documentari che si occupano di tematiche legate al territorio abruzzese o girati in Abruzzo e/o realizzati da registi nati e/o residenti nella regione di qualunque durata prodotte dopo il 1° gennaio 2012.

selezionati

TERRADENTRO di Antonio Prata

CALLE CORTES di Antonella Deplano e Stefano Ricci

ELEGIA PER LA VITA di Germano Scurti

GUARDANE UNA  E GUARDALE TUTTE  di Raffaella Rose

LA VERA STORIA DELL’UOMO PLASMON di Simone Del Grosso

VITO – STORIA DI UN IPOVEDENTE di Pietro Albino Di Pasquale

 

B – Concorso documentari italiani d’autore PANORAMA ITALIANO

Sezione dedicata alle opere italiane più interessante della passata stagione prodotte dopo il 1°gennaio 2013.

selezionati

APOLITICS NOW! di Giuseppe Schillaci

CENTOQUARANTA – La strage dimenticata di Manfredi Lucibello

SEGNA CON ME di Chiara Tarfano e Silvia Bencivelli

CHI VUOI CHE SIA di Davide Vigore e Riccardo Cannella

IN CERCA DI UN AMICO di Karma Gava e Alvise Morato

DESTINATION DE DIEU di Andrea Gadaleta Caldarola

ULTIMA CHIAMATA / Last Call di Enrico Cerasuolo

 

C – Concorso Internazionale VISTI DA VICINO

Sezione dedicata a documentari da tutto il mondo prodotti dopo il 1°gennaio 2012

selezionati

SARAJEVOLUTION di Rocco Riccio 89’ Italia

LIBRI E NUVOLE di Pier Paolo Giarolo 85’ Francia/Italia

FARID di Pino Esposito 87’ Svizzera

CHAJA E MIMI di Eric Esser 10’35’ Germania

ADELANTE di Noam A. Osband 50’ USA

LA MAQUINA DE LOS RUSOS di Octavio Guerra 9’ Spagna

THE FADING VALLEY di Irit Gal 54’ Israele

Le proiezioni a  Pescara  presso la Sala Tosti dell’Aurum 13, 14 e 15 giugno
D –  Concorso OPERA DIGITALE

Sezione dedicata al cinema non documentario di frontiera e di riflessione, riservato a  medio e lungometraggi prodotti dopo il 1° gennaio 2012

selezionati

MI OJO DERECHO di JOSECHO DE LINARES, Spagna

LA MIRADA PERDIDA di DAMIÁN DIONISIO, Argentina

FULGENZIO di ALDO IULIANO, Italia

Le proiezioni a  Pescara  presso la Sala Tosti dell’Aurum 13, 14 e 15 giugno

REGOLAMENTO

SCHEDA DI ISCRIZIONE

REGULATION

ENTRY FORM

 I lavori devono essere inviati entro lunedì 10 febbraio 2014 – (farà fede il timbro postale)

 

con il contributo di:

 

Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO Città di Pescara

 

Media patners:

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *